Blocchi del traffico? BASTA! 6

Ci stanno salvando. Almeno dall’inquinamento sì, non dal resto. Ennesima giornata ecologica di domenica 2 aprile, giorno di pioggia prevista da almeno 15 giorni in cui potremo andare tutti al parco in bicicletta, visitare i musei gratuiti in coda per ore con i bambini urlanti sotto un ombrello e prendere l’autobus che più ci è simpatico, visto che le linee pubbliche saranno rafforzate sia come mezzi che come frequenza di passaggio alle fermate, e udite udite, la metro torinese che di solito la domenica sera chiude alle 00.35, per l’occasione resterà aperta  addirittura  fino all’una di notte. 25 minuti in più di movida pura. Forse la nostra amata Sindaca non sa che un mezzo pubblico ha più del quadruplo della cilindrata di un’utilitaria e inquina di più, soprattutto se su strada c’è un maggiore passaggio.  Forse non sa che tutte le auto, dall’euro 4 in su, sono dotate di filtro antiparticolato e che tutte le altre hanno comunque sistemi catalizzanti evoluti, e forse non sa nemmeno che invece il riscaldamento, principale responsabile delle polveri sottili, non  è munito di questi sistemi, ma solo di valvole sistemate da poco  per derubarci di qualche altro soldino, e forse non sa neppure che tra una manciata di giorni le stesse caldaie  verranno spente, come previsto dalla legge, e il problema rientrerà nei canoni normali. Quindi, questo provvedimento risulterà inutile, inopportuno e fastidioso, a meno che non voglia provvedere a questo disagio, concedendo uno sconto del 50% sui parcheggi blu ed un aiutino per pagarci il bollo auto per i giorni in cui non possiamo usarla o in cui dobbiamo reclutare passeggeri di fortuna per essere in regola. Diversamente, questa domenica sarà utile all’inquinamento quanto i sacchetti in materiale riciclabile che, a due passi dall’uscita del supermercato, ti spalmano le uova sul marciapiede e ti rotolano le arance come in una partita di bocce.

Ci rifletta Chiara. Buona domenica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *